Ecologia industriale
Biofossati, Biostagni , Biolaghi e Corridoi ecologici per la biodiversità degli impianti di fitodepurazione SIAM (Stabilimento Acque Minerali Santa Maria) 

MODICA (Ragusa)

Il fitodepuratore industriale dimostra come sia possibile creare paesaggio anche per impianti industriali. L'adozione di elementi di ecologia industriale è con doppia vasca e permette di lavorare con duplice modalità , in serie e in parallelo, e con due differenti idrofite (Cannucce d'acqua e Tife). Permette di funzionare ad “evaporazione totale” consentendo risparmi sugli smaltimenti dei reflui. La fascia di sicurezza perimetrale con papiri consente anche di trattare e smaltire (per evapotraspirazione totale e produzione di biomassa) le acque di prima pioggia risparmiando sui costi gestionali. Peraltro, il medium di filtrazione utilizzato è in calcarenite di piccola media pezzatura consentendo bassi costi di trasporto perchè prodotto localmente.


 PROGETTISTA  Ing. Antonio Pluchino
DIREZIONE TECNICA E CONSULENZA Ing. Gianluigi Pirrera
REALIZZAZIONE GLOBAL SERVICE OPTIMAL

Nell'agosto 2020 è stato realizzato un biolago, in parte naturalizzato posando una malta liquida di amido sporcata di terriccio calcareo, ha voluto sottolineare in particolare 2 principi:
Economia circolare, che è possibile applicare realmente riciclando scarti ed eccedenze di sovrappopolamenti floristici e faunistici;
Economia gestionale, in quanto con pochissima spesa e in pochissimo tempo è possibile realizzare elementi effimeri utili alla natura e alla depurazione.
 Nel caso della SIAM l’obiettivo è stato anche quello di rendere visibile il prodotto “Acqua”, convertendolo dal Capitale Umano industriale in Capitale Naturale, offrendo anche Servizi ecosistemici aggiuntivi all’azienda in termini di economia, ecologia, immagine, promozione, educazione naturalistica (l’azienda già adotta rapporti con scuole per visite aziendali) e sostenibilità. 

Gli interventi riguardano soprattutto 5 dei 17 Goals 2030 di Sostenibilità dell’ONU in termini di:

  • salute e benessere (Goals n.3);

  • acqua pulita e igiene (Goals n.6);

  • agire per il clima (Goals n.13);

  • la vita sott’acqua (Goals n.14);

  • la vita sulla terra (Goals n.15).

 

 

Immagine2
press to zoom
Immagine3
press to zoom
img_2698-960x720
press to zoom
Immagine1
press to zoom
IMG_202009041121475
press to zoom
home-design1
press to zoom
188741675_4332629333466061_3684511365931003641_n
press to zoom
Screenshot_2021-01-18 Sostenibilità e responsabilità ambientale Acqua Santa Maria
press to zoom
190579520_4332629456799382_2205754360747529403_n
press to zoom
1/1

Dalla sola presenza del Discoglossus pictus, di notevole valore dal punto di vista della della conservazione (Specie di interesse prioritario dalla Direttiva 92/43/CEE e Lista rossa IUCN) e per il quale si è realizzato il biolago, il nostro monitoraggio faunistico ha riscontrato 13 specie. Tra queste particolarmente significativa la presenza di libellule (Simpetro sanguineoErythromma viridulum), testimoni del miglioramento della qualità dell’acqua, nonché divoratrici di zanzare. Ed inoltre: Acrida ungarica mediterranea, Hierophis viridiflavus, Natrix natrix, Podarcis siculus, Scolopendra cingulata, Sceliphron sp., etc.

IMG_202009041121474
press to zoom
scolopendra cingulata
press to zoom
IMG_20201021_111704
press to zoom
imenottero del genere Sceliphron
press to zoom
IMG_20210522_074137
press to zoom
131300087_3884470758281923_3256729227640
press to zoom
IMG_20210522_073850
press to zoom
IMG_20210522_073444
press to zoom
IMG_2020090411214713
press to zoom
1/1

Il nostro monitoraggio floristico ha rilevato che a partire dalle tre specie originarie di progetto (Cyperus papyrus var. nana, Phragmites australis, Typha latifolia) siamo arrivati a ben 24 specie : Allium sp., Anemone coronaria, Calla palustris, Chamaerops humilis, Colocasia Sp., Convolvulus sp., Cyperus papyrus var. nana, Equisetum hyemale, Gladiolus italicus, Glebionis coronaria, Iris pseudacorus, Malva sylvestris, Mandragora, Mentha aquatica, Leopoldia comosa, Olea europea, Papaver sp., Phragmites australis, Reichardia picroides, Tragopogon sp, Typha latifolia, etc.

IMG_20210409_152435
press to zoom
IMG_20201021_110921
press to zoom
IMG_20200225_103801_1
press to zoom
IMG_20210409_140403
press to zoom
IMG_20210311_103244
press to zoom
9bb9c750-7d53-4284-80b7-eb9c043ce8fd
press to zoom
PHOTO-2021-06-11-19-47-19
press to zoom
PHOTO-2021-06-11-19-47-21
press to zoom
PHOTO-2020-09-16-19-32-44
press to zoom
1/1

Pubblicazioni

1. PLUCHINO A., PIRRERA G., LATTEO V., AMATO F., FERRARA L.M.(2017) ”Industrial Ecology With Phytoremediation By Native Species” - L'Ingegnere Italiano - n. 3/2017 - Edizione Speciale World Engineering Forum 2017 PAG.58, 62

2. PIRRERA G., PLUCHINO A. (2017) Phytoremediation For Ecological Restauration And Industrial Ecology - Procedia Environmental Science, Engineering and Management, Vol 4(4) 2017 (ISSN: 2392 - 9537 ; ISSN-L: 2392 – 9537; eISSN: 2392 – 9545).