VILLAROSA (Enna)

premio_verde_08.gif

Infrastrutturazione ambientale della Vallata del fiume Morello e Tributari – Per la salvaguardia del suolo e dell’equilibrio idrogeologico e finalizzati alla valorizzazione, tutela e fruizione”.

Un pò di storia...

 

L’OASI VALLE DEL MORELLO è una realizzazione che interessa, la valle del Fiume Morello: non solo il Lago Villarosa, ma anche i valloni tributari urbani, da indirizzare verso corridoi ecologici acquatici (“blue ways”), e gravanti nel territorio comunale di Villarosa. In particolare i Valloni Mastrosilvestro e Vanella (dall’abitato all’invaso, e valutati quale “ecosistema filtro”), il fiume Morello (dal ponte prossimo alla Stazione Ferroviaria e sino alla strada per Calascibetta) con il relativo invaso creato dalla diga Ferrara, ed il Lago Stelo, di grande interesse storico archeologico, benché interrato a seguito di una bonifica.

 

Nel 2008 furono realizzati dei lavori denominati “Infrastrutturazione ambientale della Vallata del fiume Morello e Tributari – Per la salvaguardia del suolo e dell’equilibrio idrogeologico e finalizzati alla valorizzazione, tutela e fruizione”. 

Il progetto era già all’epoca innovativo perché, modificando un originario obiettivo di “pulizia” dei valloni tributari per limitare il forte interrimento del Lago Villarosa, considerava tutti i valori dell’area in termini di Paesaggio ecologico. Oggi diremmo valorizzazione del Capitale Naturale e Culturale. In altri termini, quello che la visione olistica originaria, ispirata da un albero e dal poeta locale dialettale De Simone, oggi si direbbe che avesse come obiettivo lo sviluppo di Servizi Ecosistemici per il territorio.

All’epoca, pur non essendo ancora “di moda” i Servizi Ecosistemici, il lavoro è stato valutato in termini di funzionalità tecnica, naturalistica, paesaggistica e socio-economica.

Tutto ciò è stato apprezzato in sede nazionale tanto che il Comune di Villarosa ha ricevuto un Premio Città per il Verde nel 2008.

I lavori strettamente d’appalto concernevano:

--Greenway, con sentieristica anche per portatori di handicap, ed ippovie;
- Opere di ing. naturalistica quali palificate, grate vive, etc. (cfr INGEGNERIA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE - Quaderno delle opere 2007);
- Opere per il wild life management quali isole, pali di sosta, nidi e zattere galleggianti per uccelli, etc.;
-Aree birdwatching, ricerca, accoglienza, Vivai di cantiere e manutenzione, etc.;

L’aspetto più innovativo è risultato la -Depurazione in alveo (Valloni Vanelle e Mastrosilvestro) dei reflui comunali non trattati o parzialmente depurati al fine non solo di migliorare la qualità delle acque, ma anche di creare delle piccole aree umide che facevano così emergere l’acqua. Ciò è stato un successo perché i valloni hanno portate pari solo a quelle degli scarichi e quelle durante i fenomeni piovosi. Le localizzazioni delle opere, prima dell’esecuzione, sono derivate dall’applicazione dell’ IFF (Indice di Funzionalità Fluviale). A conclusione dei lavori si è ripetuta l’applicazione al fine di verificarne l’efficacia. link

A distanza di 12 anni il paesaggio nei luoghi di intervento fluviale è migliorato notevolmente con crescita di salici e pioppi dove, prima l’alveo era percorso solo da reflui.

Nel corso dei lavori e dell’anno successivo la popolazione è stata fortemente coinvolta per far emergere quel senso di appartenenza necessario per il mantenimento del “bene collettivo”. I tanti Enti coinvolti (Comuni di Villarosa, Enna, Calascibetta, Azienda Foreste Demaniali ed Ente Gestore delle Acque del Lago) non sono però riusciti a trovare un’adeguata intesa gestionale per la manutenzione delle opere. Un nuovo monitoraggio naturalistico farebbe comunque emergere l’utilità delle opere anche per il paesaggio ecologico.

Oggi il patrimonio naturalistico, archeologico e minerario restano il punto di attenzione di una rete di collegamento di grande importanza per il trekking e il turismo lento.

Non è superfluo ricordare che il trekking per i valori naturalistici e archeologici dell’Oasi del Morello sono una parte dell’Antica Trasversale Sicula. Una tappa raggiunge, infatti, Villarosa da Calascibetta, ed un’altra riparte da Villarosa a Resuttano passando per la frazione Villapriolo.

 

Anno 2005-2008

Progettista: Ing. Gianluigi Pirrera;

Direttore Lavori: Ing. Gianluigi Pirrera (capogruppo), Arch. Paolo Naselli, Ing. Fabio Scarpulla

Analisi Ambientale e Indagini Floristiche e geologiche: Ing. Gianluigi Pirrera, Dr. Geol. Paolo Di Mattia, Dr. Nat. Giuseppe Filiberto, Dr. Geol. Giovanni La Scala;

Importo delle opere: € 1.000.000,00 (lavori a b.a. €.625.390,92, di cui opere di ingegneria naturalistica € 625.390,92);
RUP: Ing. Antonio Faraci, Ingegnere Capo del Comune di Villarosa;

Per saperne di più...
premio_verde_08.gif
Segnalazione speciale 

Ha ricevuto la segnalazione speciale con Comune di Villarosa nell'ambito del premio “Città per il Verde 2008” per la categoria Comuni da 5mila a 15mila abitanti.

Motivazione: Il Comune di Villarosa in provincia di Enna viene segnalato per la valorizzazione e salvaguardia dei caratteri naturalistici del luogo, attraverso la realizzazione dell’Oasi fluviale della Valle del Morello. La fruibilità dell’area agevolata dalla costituzione di percorsi e aree belvedere attrezzate per la sosta, realizzate con materiali naturali e arredi in legno che si inseriscono in modo arminico nel contesto territoriale. Il Parco contribuisce a valorizzare un paesaggio fluviale di grande interesse disegnato dai contrasti tra l’aridità generale del clima e l’umidità indotta dalla presenza dell’acqua del fiume.

MAGGIORI INFO:

1. Premio Città per il Verde 2008 Sito web

2. Estratto PDF Premio città per il Verde

© 2016 Biocity Engineering S.r.l. - Via Enrico Albanese, 90 - 90139 Palermo - tel. +39 3271052810 - +39 3472313990- e-mail: jl.mine@libero.it - P.IVA 05567400824

  • Houzz Icona sociale
  • Youtube
  • Instagram